il Molino

il Molino

mercoledì 1 giugno 2016

Torta di rose gluten-free alla confettura di albicocche



Oggi, come in tante altre occasioni, mi sono lasciata trasportare dai ricordi culinari della mia infanzia.
Quando avevo su per giù sei o sette anni vivevo in un paesino affacciato sulle rive del Lago di Garda, con pochi negozi, ma con una svariata quantità di attività dedicate al turismo. Tra queste ultime voglio menzionare un piccolo forno che non so se esista ancora attualmente, ma ai tempi era noto non solo per l'ottimo pane, ma anche per la sua specialità : la torta di rose al burro. Quanto mi è mancata in questi anni!!!!
Nonostante si sia in quella fase in cui normalmente dico stop ai dolci per la fatidica "prova costume", non ho potuto resistere alla tentazione e l'ho preparata gluten-free e senza burro.

Ingredienti per una torta di 24 cm di diametro

- 400 gr di farina per pane senza glutine (io mix B Schar)
-100 gr di farina di riso
- 320 ml di latte tiepido
- 1 uovo
-70 gr di zucchero di canna
- 40 ml di olio di semi di girasole
- scorza grattuggiata di un limone non trattato
- 5 gr di lievito di birra

Per la farcitura

- confettura di albicocche q.b.

Per decorare

- zucchero a velo q.b.


Procedimento

Mescolate con cura il latte, lo zucchero ed il lievito. Poi versate in una ciotola le due farine ed aggiungetevi l'olio, l'uovo, la scorza di limone ed infine il miscuglio di lievito latte e zucchero.
Impastate per circa 5 minuti sino ad ottenere una pasta liscia e morbida. Coprite l'impasto così ottenuto con una pellicola alimentare ponetelo in frigo e lasciate riposare per circa 12 ore.
Usando il mattarello stendete la pasta su carta forno, usando la farina di riso per lo spolvero, sino ad ottenere una sfoglia alta circa un cm, poi spalmatevi sopra un strato sottile di confettura . Ora aiutandovi con la carta forno arrotolate la sfoglia, in modo tale da ottenere un rotolo. Quindi tagliate a fette di 4 cm di spessore.
Foderate con della carta da forno uno stampo di 24 cm e disponetevi i rotolini ottenuti.
Lasciate ancora lievitare per circa un paio d'ore in un posto riparato.
Poi infornate a 180° C per circa un'ora. Se dopo 30 minuti di cottura vedete che la superficie si sta dorando troppo coprite il dolce con dell'alluminio e proseguite sino a quando sarà cotto, fate la famosa prova dello stecchino!!!
Una volta sfornata, lasciatela raffreddare e poi adagiatela su un piatto da portata, e spolverizzate con zucchero a velo.


























giovedì 26 maggio 2016

Focaccia di farina integrale e farina di quinoa



Anche quest'anno partecipo con grande piacere al Contest 2016 di Acetaia Guerzoni. Questa volta il tema è "il panino svuota frigo". L'idea l'ho trovata di estrema attualità. Ultimamente, grazie anche all'Expo 2015, si sente sempre più parlare di una cucina ecosostenibile, attenta alle qualità organolettiche dei prodotti, ma anche all'impatto ambientale di queste ultime. Un altro messaggio fondamentale che si va sempre più diffondendo è la riduzione dello spreco alimentare,  quindi la capacità di non buttare nemmeno ciò che un tempo veniva considerato uno scarto ed allo stesso tempo l'abilità nel preparare pietanze a base di "avanzi"....Insomma vale proprio la pena di dire che "in cucina non si butta via niente" .
Quindi in questa occasione ho voluto fare mio questo motto, ho aperto frigo e dispensa ed ho preparato questa golosa focaccia.






Ingredienti

- 350 gr di farina senza glutine mix per pane rustico Schar
- 100 gr di farina di quinoa
- 50 gr di farina di riso
- 5gr di lievito fresco di birra
- 440 g di acqua naturale
- 2 cucchiai di yogurt al naturale
- 40 g di olio evo
- 8 g di sale fino

Per la farcitura

- 1 pera williams
- burro d'arachidi q.b.
- un mazzetto piccolo di rucola
- scaglie di Parmigiano reggiano
-Crema di Aceto Balsamico di Modena Bio Demeter IGP http://www.guerzoni.com/portfolios/crema/
- 15 gr di granella di nocciole

Procedimento

Mettete nella planetaria o in una ciotola il Mix per pane e le due farine e mescolate bene il tutto. Unite l'acqua, il lievito di birra sbriciolato e lavorate in modo energico. Aggiungete lo yogurt e continuate a mescolare. Unite l'olio ed il sale ed amalgamate sino ad ottenere un composto omogeneo e compatto.
Riponete l'impasto coperto da una pellicola alimentare, in frigo e lasciate lievitare per almeno 12 ore, meglio 24 se potete. Una volta lievitato prendete una teglia ricopritela con carta da forno e stendevi l'impasto, ponetela in forno al minimo (40°C)  e fate lievitare per un'altra mezz'ora. A questo punto spennellate la focaccia con dell'olio e cuocete in forno caldo a 200° C per circa 25 minuti.
In questo modo otterrete una focaccia gustosa morbida ed abbastanza alta adattissima per essere farcita.
Oggi non avendo affettati a disposizione mi sono rivolta ad un abbinamento insolito: ho tagliato orizzontalmente un quadrato della focaccia, l'ho spalmato con del burro di arachidi, vi ho adagiato le scaglie di Parmigiano, poi ho preso la rucola e ne ho messa qualche foglia, dopodichè ho aggiunto  la pera tagliata sottilmente; quest'ultima l'ho irrorata con qualche goccia di Crema con Aceto Balsamico di Modena Guerzoni ed infine ho aggiunto, come parte croccante, della granella di nocciole.






lunedì 2 maggio 2016

Marmellata alla Siciliana

Ultimamente non riesco a scrivere i post frequentemente come vorrei . Purtroppo le giornate durano solo 24 ore, ma per fare tutto credo che ce ne vorrebbero almeno 36... Sarebbe bello vivere in prossimità di un buco nero, il tempo a disposizione sarebbe infinito. In ogni caso oggi finalmente eccomi qua e riagganciandomi alla ricetta della crostata di limone vi vorrei proporre il procedimento per realizzare la sua componente principale, la marmellata di limoni, una marmellata aromaticissima, ricca di vitamina C e ottima per la preparazione di dolci.




Ingredienti per un 1 kg di marmellata

-500 g di limoni non trattati
-500 g circa di zucchero semolato

Procedimento

Lavate i limoni, poneteli in una casseruola di acqua bollente e fateli cuocere per 20 minuti. Scolateli e ripetete la stessa operazione per altre due volte, conservando 100 ml dell'ultima acqua di cottura.
Spezzettate i limoni, e passateli al passaverdure raccogliendo la purea in una pentola d'acciaio.
Fate cuocere a fuoco basso, unite lo zucchero, che deve essere di peso pari alla purea di limoni e l'acqua di cottura che avete tenuto da parte. Fate cuocere per 15 minuti mescolando con un cucchiaio di legno.
Distribuite la marmellata in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati e sigillate ermeticamente.






venerdì 22 aprile 2016

Crostata al limone a modo mio gluten free






Lo scorso fine settimana l'ho trascorso dai miei suoceri nella loro casa di campagna, a nord di Roma.
Questa località si trova in collina ed il centro abitato è dominato da un affascinante castello medievale  degli Orsini, una nobile famiglia dell'epoca. La zona è caratterizzata da coltivazioni di ulivo e dalla relativa  produzione di olio extra vergine. Quando veniamo a trovare i nonni le piccole pesti sono al settimo cielo perchè sanno che a pranzo verrano viziati con i loro piatti preferiti e che poi potranno fare mille giochi con la nonna ed il gatto Billo all'aria aperta, tempo permettendo,oppure potranno vedere un cartone nella stanza adibita a "cinema" dal nonno. Io così posso finalmente rilassarmi un po' e dedicarmi ad attività piacevoli. Spesso leggo spaparanzata su una sdraio al sole ed alla fine mi addormento sempre!!!! In questa occasione io e mio marito abbiamo fatto la raccolta di agrumi. Vi sembrerà strano ma in questo periodo ci sono ancora  alcune specie di arance che maturano , le "Naveline" mi è stato detto, e naturalmente il re degli agrumi il limone. Le piante erano molto cariche, sembrava che i rami si stessero spezzando, quindi in un certo senso le abbiamo "salvate" sgravandole  dei loro preziosi frutti. La maggior parte del raccolto lo abbiamo posto in una zona dedicata della casa al deposito della frutta e della verdura ed una piccola, ma per noi abbondantissima parte, ce la siamo caricata in macchina. Ora arrivo al punto....Tenendo conto che gli agrumi anche se ben custoditi , non durano in eterno, tornata a casa ho passato del tempo tra i fornelli a preparare liquori e marmellate. Con queste ultime ho deciso di fare questo dolce al limone gluten-free e totalmente home made. Oggi vi propongo la ricetta della crostata, nel prossimo post vi sarà la ricetta della marmellata alla Siciliana (di limone per intenderci!!!).

Ingredienti per una crostata di 26 cm di diametro

- 500 gr di farina per pasta frolla senza glutine (io Alimenta 2000)
- 2 uova
- 200 gr di zucchero di canna finissimo
- 50 ml di succo di arancia
- 40 ml di olio di semi di arachidi
-scorza grattuggiata di limone bio q.b.
- marmellata di limone q.b.

Per decorare

- zucchero a velo q.b.

Procedimento

Mettete lo zucchero e le uova nella planetaria e lavorate il tutto sino ad ottenere un composto spumoso, aggiugete la farina , la scorza di limone, l'olio a filo ed in ultimo la spremuta d'arancia utilizzando il gancio a foglia. Appena otterrete un composto liscio e sodo, formate una palla, avvolgetela in una pellicola alimentare e fate riposare in frigo per un'ora circa. Poi stendete con il mattarello su un foglio di carta da forno spolverato con farina di riso, l'impasto sino ad uno spessore di circa 5 mm e ponetelo in una tortiera di 26 cm di diametro. Con un coltellino tagliate la frolla in eccedenza. Farcite la crostata con abbondante marmellata, e con l'impasto rimanente ricavate delle striscioline di diverse misure per ottenere la classica griglia delle crostate. Infornate a 170° C per circa 25 minuti. Quando sarà cotta, toglitela dal forno e fatela raffreddare. Prima di servirla spolverizzatela con lo zucchero a velo.



venerdì 8 aprile 2016

Gnocchi di miglio alla romana




Finalmente dopo secoli riassaporo, un piatto tipico del Lazio, che mangiavo molto spesso da bambina.
Naturalmente in questo caso la ricetta è stata riadattata a chi come me ha problemi con il glutine.
L'ingrediente base invece di essere il semolino è il miglio, il sapore ovviamente non è identico a quello del piatto romano, ma ci si avvicina. Si ottiene in questo modo un primo totalmente gluten-free dal sapore delicato e goloso . Normalmente i bambini adorano questa pietanza , credo che sia per questo motivo che anche se non è della mia tradizione, a casa mia madre lo cucinasse spesso....Quindi immaginate quanto mi è mancato!!! Di seguito  troverete la mia ricetta, gluten free ed anche un po' alleggerita dal burro, ma vi assicuro che il gusto non ne risente affatto. Allora partiamo!!!!

Ingredienti per 4 persone

- 250 gr di miglio
- 1 litro di latte
- 1 uovo
- parmigiano reggiano q.b.
- olio evo q.b.
- sale q.b
- qualche foglia di salvia

Procedimento

Metti in una casseruola il latte, aggiungi una presa di sale ed un paio di cucchiai d'olio , portalo al limite del
bollore e versaci il miglio. Fai cuocere per circa 20 minuti, e mescola in modo che non si attacchi al fondo. La cottura sarà terminata quando il latte si sarà asciugato. Togli dal fuoco ed incorpora un uovo e due cucchiaiate di parmigiano grattuggiato.Mescola energicamente e poi versa il composto ottenuto su un foglio di carta da forno e stendilo con una spatola bagnata in uno strato uniforme di circa mezzo centimetro.
Fai raffreddare e poi con un coppa pasta del diametro di 6 cm ricava dei cerchietti .
Olia una pirofila e ricoprila con un primo strato di gnocchi, irrorali di olio e cospargili con il parmigiano grattato, poi fai un secondo strato di gnocchi ed irrorali sempre d'olio e cospargili di abbondante parmigiano e aggiungi qua e là qualche foglia di salvia. Fai cuocere in forno a 200° C fino a quando si sarà formata una crosticina ,ci vorranno circa 20 minuti, e servili subito.


 











                                          Oggi è Venerdì buon 100% Gluten Free Friday

martedì 29 marzo 2016

Buchteln alla ricotta senza glutine










Buongiorno a tutti !!! Come avete trascorso la Pasqua? Io quest'anno ho fatto il bis....o meglio quest'anno è come se avessi festeggiato due Natali. Ci siamo riuniti a casa dei nonni e purtroppo come al solito ci siamo rimpinzati. Inoltre siamo tornati da poco da una settimana bianca fantastica e golosissima. Siamo stati a sciare nel comprensorio dell'Alpe di Siusi/Val Gardena, ed abbiamo soggiornato in un albergo che ha una cucina dedicata ai celiaci. Che dire, questa volta ho dato libero sfogo ad ogni tentazione, soprattutto a colazione dove trovavo ogni mattina un buffet ,completamente gluten-free, a base di torte , cornetti ,biscotti, pane, bombe alla nutella e chi più ne ha più ne metta.Tutto rigorosamente home-made dal pasticcere dell'hotel .Altro dettaglio  ancora più strabiliante  è che queste delizie vengono preparate senza l'utilizzo di addensanti o mix di farine. Inoltre a cena il menù proposto agli ospiti senza intolleranze, viene riprodotto anche per i celiaci. Un paradiso culinario anche per me finalmente..... Ma ora mi devo dare una regolata.
Oggi vi propongo un dolce ottimo per la colazione tipicamente Altoatesino che ho assaggiato  durante questa meravigliosa vacanza sulla neve e di cui sono riuscita ad avere la ricetta.

Ingredienti  (per 15 Buchteln)

- 350 ml di latte tiepido
- 5 cucchiai di zucchero
-25 g di lievito di birra fresco
-1 cucchiaio di farina senza glutine
-300g di farina per dolci senza glutine ( io Nutrifree,nella ricetta originale vi sono 100g farina per dolci e 200 di farina Mantler che io non sono riuscita a procurarmi)
-200 g di farina per pane senza glutine
-40 ml di olio
- 3 tuorli
-120 g di ricotta
- 3 cucchiai di rum
-scorza di limone bio q.b
- 1 pizzico di sale


Per la farcitura

-confettura alla frutta (io ho utilizzato quella di albicocca)

Per decorare

-zucchero a velo

Procedimento

Per il preimpasto (biga) mescolare con cura il latte, lo zucchero, il lievito ed un cucchiaio di farina, coprite e lasciate riposare in un luogo caldo finchè il volume non sarà raddoppiato.
Versate in una ciotola le farine, l'olio, i tuorli, la ricotta, il rum, la scorza di limone ed il sale. Lavorate il tutto insieme alla biga sino ad ottenere un impasto. Impastate a lungo, almeno una mezz'ora in modo tale che il composto inglobi aria. Coprite e lasciate riposare in luogo caldo per circa un paio d'ore.
Trascorso questo tempo, lavorate di nuovo l'impasto e dividetelo in quindici pezzi della stessa grandezza.
Riempiteli  con la confettura che preferite e chiudeteli in modo da formare delle palline. (Per questa operazione ungetevi le mani con l'olio). Poi metteteli in stampi precedentemente oliati con la parte recante la chiusura rivolta verso il basso, coprite e lasciate riposare per altri venti minuti.
Cuocete i buchteln in forno preriscaldato a 180°C per circa mezz'ora. Poi sfornateli e lasciateli raffreddare.
Decorateli spolverizzandoli con dello zucchero a velo.












                                                      A  proposito oggi è venerdì buon Gluten Free Friday!!!


venerdì 18 marzo 2016

Finanziere senza glutine


Anche voi sentite l'aria che sta cambiando? Gli uccellini cantano più allegramente il mattino e le giornate sono più lunghe.Non si può certemente dire che le temperature siano più miti, è tutto l'inverno che sta facendo caldo, ma alcuni  indiscutibili segnali della natura ci avvertono dell'arrivo della tanto attesa, almeno da me, Primavera. In questo periodo mi si scatena sempre un appetito esagerato, accompagnato per tale motivo da un estro particolare in cucina, ma quest'anno devo soffocare questa mia vena creativa, altrimenti mi ritroverò a fare i conti con la bilancia. Nonostante questo mio proposito ho deciso comunque di preparare un dolce piccolo piccolo, leggero leggero....




                                    

Ingredienti per 4-6 persone

- 100 g di albume ( 3 albumi grandi)
- 120 g di zucchero semolato
- la scorza grattuggiata di  mezzo limone non trattato
- 120 g di mandorle pelate
- 50 g di farina di riso
- 45 ml di olio
- un pizzico di sale

Per decorare
- 2 cucchiai di confettura di albicocca
-mezza bacca di vaniglia
-zucchero a velo

Procedimento

Ponete gli albumi, la metà dello zucchero semolato, la scorza grattuggiata ed un pizzico di sale in una ciotola e montateli con le fruste elettriche, fino ad avere un composto gonfio e denso. Tritate finemente nel mixer le mandorle con lo zucchero rimasto riducendole in polvere ed unitele agli albumi montati mescolando delicatamente dal basso verso l'alto. Setacciate la farina ed amalgamatela, poco alla volta, al composto di albumi e mandorle ed infine sempre mescolando delicatamente unite a filo l'olio.
Oliate ed infarinate uno stampo da plumcake di 16 cm di lunghezza, trasferitevi il composto, livellatelo e cuocetelo a forno già caldo a 180°C per 25 minuti circa. Sformate il finanziere su una gratella per dolci e fatelo raffreddare. Stendete sulla superficie la confettura sciolta a fuoco basso, guarnite con la bacca di vaniglia e lo zucchero a velo.
Questo dessert  dagli aromi delicati di limone e mandorle, trae le sue origini da piccoli dolci di forma ovale prodotti dalle suore francesi dell'ordine della Visitazione. Alcuni pasticceri svizzeri riproposero la ricetta,ma per non essere accusati di plagio, diedero al dolce la forma di lingotto ed il nome di "Finanziere".