il Molino

il Molino

giovedì 17 dicembre 2015

Pepperkakor gluten free


Avete presente i deliziosi biscottini allo zenzero che vendono all'Ikea? Ebbene io da ragazzina ne andavo pazza. E' da molto tempo che non ne sgranocchio più, ma quest'anno cercando tra le ricette per Natale mi è spuntata fuori per magia la ricetta dei Pepperkakor i dolcetti tipici natalizi svedesi (i famosi dolcetti Ikea!!!) Pensate che questi biscotti in Scandinavia vengono aromatizzati oltre che con lo zenzero anche con chiodi di garofano e cannella. Gli vengono date le più svariate forme, magari attinenti il Natale,  a pupazzetto, a campanella, a cuore ecc...  vengono glassati, allacciati con nastri rossi e si usano come decorazioni per l'abete.....Davvero un albero di Natale goloso!!! Io non ho resistito ed appena sfornati ho assaggiato subito questi profumatissimi dolcetti. Comunque se qualcuno di voi avesse intenzione di prepararli, per l'albero o per divorarseli eccovi la ricetta.

Ingredienti

- 250 g di farina senza glutine per pasta frolla
- 100 g di burro
- 100 g di zucchero di canna
- 40 g di miele
- 1 uovo
-1/2 cucchiaino di cannella in polvere
-1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
- 1 cucchiaino di zenzero in polvere

Procedimento

Setacciate la farina, tagliate a pezzetti il burro ammorbidito a temperatura ambiente, aggiungetelo alla farina ed impastate velocemente. Unite lo zucchero, il miele, l'uovo e lavorate il tutto energicamente fino ad ottenere un impasto compatto ed omogeneo. Dividete l'impasto in due parti uguali, alla prima aggiungete la cannella ed i chiodi di garofano in polvere ed alla restante lo zenzero. Formate due palle avvolgetele nella pellicola per alimenti e fatele riposare in frigo almeno per mezz'ora.
Prelevate gli impasti, lavorateli brevemente e tirateli con il mattarello in una sfoglia di 5 mm di spessore.
Ritagliate le sfoglie con le forme preferite, (io ho utilizzato la forma di alce, di orso, di cuore, di riccio, di lupo). Imburrate ed infarinate una placca, ponetevi i biscottini ben distanziati tra loro e fateli cuocere in forno già caldo  a180°C per circa 15 minuti, fino a quando saranno dorati. Toglieteli dal forno e fateli raffreddare su una gratella per dolci....Che profumo delizioso!!!




                     Se non riuscirò a scrivere altri post auguro a tutti un sereno e gioioso Natale!!!




                        A mi stavo dimenticando che oggi è venerdì: buon Gluten Free Friday a tutti!!!


lunedì 14 dicembre 2015

Torta allo jogurt con salsa alle fragole senza glutine



Qualche giorno fa ho ricevuto un commento ad una mia ricetta da un foodblogger, stranamente non una donna. Mi ha fatto piacere sapere che anche qualche  giovane uomo, a parte i grandi chef, sia appassionato di cucina...O meglio che ami cucinare e non solo mangiare. Addirittura qui i cuochi sono tre ed anche molto fantasiosi, complimenti ragazzi, continuate così!!!! Leggendo i post di "Tre ragazzi & 1 cucina" ho scoperto che anche loro come me sono fanatici della prima colazione e che partecipano ad un contest che calza a pennello per questa nostra passione comune. Il contest si chiama "le personalità in cucina" ed è stato indetto dalle blogger di "Pentagrammi di farina". Io purtroppo anche, se mi sarebbe piaciuto molto, non riuscirò a parteciparvi per carenza di tempo.....E' già un miracolo che sono riuscita a scrivere questo post!!! Eccovi una ricetta per una sana e dolce colazione.

Ingredienti

- 300 g di farina di riso
-1 bustina di lievito per dolci
- 150 g di rabarbaro fresco
- 250 g di zucchero a velo
- 2 uova
- 125 g di yogurt al naturale
- 1 cucchiaio di succo d'arancia
- 100 ml di olio di semi di girasole
- 250 g di fragole
- 2 cucchiai di zucchero di canna
- succo di limone

Procedimento

In una terrina mescolate la farina setacciata ed il lievito con il rabarbaro tagliato a julienne.
Aggiungete lo zucchero a velo. le uova, lo yogurt, il succo d'arancia e l'olio. Amalgamate delicatamente e poi trasferite l'impasto in uno stampo precedentemente oliato e infarinato del diametro di 26 cm e cuocete in forno già caldo a 160° C per circa 45 minuti. Quando il dolce sarà cotto toglietelo dal forno e lasciatelo riposare per 15 minuti prima di sformarlo. Nel frattempo lavate le fragole e mettetele in un mixer con lo zucchero di canna ed il succo di limone Frullate il tutto e versate la salsa così ottenuta in una ciotolina da accompagnare alla torta spolverizzata precedentemente con lo zucchero a velo.





venerdì 4 dicembre 2015

Dolce natalizio gluten free: la Spongata


Siamo già a dicembre...In questo mese per me ci sono due ricorrenze fondamentali, la prima e che riguarda esclusivamente la mia famiglia, è il compleanno di Alice. Quando si avvicina la sua festa la piccola diventa euforica perchè sa che arrivano i festeggiamenti e soprattutto i regali. Gli anni scorsi desiderava e riceveva montagne di giocattoli, ora sta diventando una signorina e molto saggiamente mi ha chiesto di regalarle qualche capo di abbigliamento. Per quanto riguarda il giorno del suo compleanno ha deciso di trascorrerlo in famiglia andando tutti insieme, compreso baby birba, ad un noto parco divertimenti di Roma. Speriamo ci sia un tempo clemente!!! Per il Natale invece, almeno culinariamente, sto cercando di portarmi avanti facendo qualche esperimento. Ho provato a realizzare un dolce tipico natalizio dell'Emilia Romagna e devo dire che il risultato è stato buono, quindi credo che lo rifarò nel periodo delle festività. Questa specialità si chiama Spongata per il suo aspetto granuloso ed irregolare che ricorda  una spugna.Si narra che fu inviata in dono al duca Francesco Sforza di Milano nel 1454. E' tipica di Brescello(Reggio Emilia) e Busseto(Parma), si prepara anche in Toscana (Pontremoli) e Liguria (Sarzana). Provatela!!!  Ecco la ricetta:

Ingredienti  per uno stampo di 26 cm di diametro

-300 g di farina senza glutine per pasta frolla ( io alimenta 2000 srl)
-80 ml di vino bianco
- 1 cucchiaio di olio evo
-100 g di burro
-150 g di zucchero semolato
- 1 pizzico di sale
- 200 g di miele
- 100 ml di vino bianco
- 100 g di biscotti secchi senza glutine
- noce moscata q.b.
-pepe in polvere q.b.
-cannella  in polvere q.b.
- 50 g di mandorle pelate
- 50 g di gherigli di noce
- 50 g di nocciole
-1 cucchiaio di zucchero di canna
-50 g di arancia e cedro canditi
-50 g di uvetta
- 30 g di pinoli

Per decorare

- zucchero a velo

Procedimento

Preparate la farcitura: scaldate il miele con il vino bianco in una casseruola e lasciatelo sobbollire per qualche minuto a fuoco basso. Incorporate i biscotti polverizzati ed un pizzico di noce moscata grattuggiata, di pepe e di cannella, mescolando. Poi unite le mandorle, le noci e le nocciole precedentemente tostate e tritate nel mixer con lo zucchero di canna. Togliete dal fuoco ed amalgamate i canditi tagliati sottilissimi, l'uvetta ed i pinoli. Lasciate raffreddare il composto, copritelo con della pellicola e fatelo riposare a temperatura ambiente sino al giorno successivo.
Preparate la pasta lavorando velocemente la farina con il vino tiepido, l'olio, il burro ammorbidito a temperatura ambiente e tagliato a pezzetti, lo zucchero ed il sale. Se la pasta risultasse troppo dura aggiungetevi un po di vino. Tirate la pasta in una sfoglia sottile su un piano infarinato con un mattarello, ricavate due dischi del diametro di circa 28 centimetri e disponetene uno nello stampo foderato con carta da forno bagnata e strizzata facendo bene aderire la pasta ai bordi.
Farcite con il ripieno, pareggiatelo, coprite con l'altro disco di pasta saldate i bordi e cuocete la torta per 30 minuti in forno già caldo a 180°C. Levate dal forno, sformate la Spongata e lasciatela per qualche giorno in un luogo fresco avvolta in carta da forno, darà il meglio di sè. Dimenticavo prima di servirla spolverizzatela con lo zucchero a velo.


Oggi è anche venerdì quindi buon buon Gluten Free Friday a tutti !!!!


































martedì 24 novembre 2015

Tarte Tatin di pere light e gluten free




Ciao a tutti. In questo periodo mi sono un po' assentata dal blog sia per mancanza di tempo, sia per il periodo particolare che stiamo attraversando . Mi riferisco agli attentati di Parigi. Credo come molti di essere rimasta senza parole. Ciò che mi ha particolarmente impressionata e'stata l'organizzazione dei terroristi nel colpire in più zone la capitale francese ed allo stesso tempo la disorganizzazione delle forze dell'ordine transalpine. Diversi anni fa, per la precisione tra gli anni '98/99, vivevo a Parigi perchè avevo vinto una borsa di studio all'università, e già allora la città era colpita di tanto in tanto da eventi destabilizzanti, come aggressioni nelle metropolitane, allarmi bomba in note catene commerciali situate in pieno centro. Pensavo che  a Parigi,a causa anche di fenomeni continui di violenza nelle banlieue ,ci fosse più sicurezza ,capacità di prevedere e preparazione nell'affrontare  situazioni di questa gravità.
Ora rimane lo shock e la paura. La paura di viaggiare,  di visitare e  di vivere in luoghi definiti "caldi".
Forse bisognerebbe essere fatalisti, e credo che se non fossi madre, forse lo sarei anch'io... Ma quando penso a quanti ragazzi hanno perso la vita semplicemente perchè erano ad assistere ad un concerto, o perchè seduti ad un caffè  la mia mente va ai miei figli e spera che quando loro avranno l 'età di quei giovani possano svagarsi senza il rischio di incappare in una simile tragedia.
Per alleggerire la mente da questi pensieri finalmente sono riuscita a ritagliare del tempo  per me, e mi sono  rilassata preparando un dolce.
In memoria dell'anno trascorso  in Francia ho preparato un dessert tipico  francese, ma rivisitato in versione gluten free e senza burro.

Ingredienti per una torta del diametro di 26 cm

- 250 g di farina per pasta frolla senza glutine ( io Alimenta 2000)
- 150 g di zucchero semolato
- 1 uovo
- 50 ml di olio di arachidi
- 600 g di pere
- acqua q.b

Procedimento

Versate nella planetaria 100 g di zucchero e l'uovo e montate il tutto finchè diventa spumoso, aggiungete a filo l'olio ed infine la farina. Quando avrete ottenuto un impasto liscio e compatto, (nel caso fosse troppo friabile aggiungetevi un po' d'acqua), formate una palla avvolgetela nella pellicola e fate riposare in frigo per circa un'ora. Nel frattempo lavate e sbucciate le pere, ricavatene degli spicchi e poi distribuiteli sul fondo di uno stampo di 26 cm, poi versatevi lo zucchero rimanente e un po' d'acqua, circa 50 ml.Mettete lo stampo sul fuoco per circa 10 minuti e, appena si sarà formato il caramello levatelo dal fuoco. Fate intiepidire e cospargete le pere con ancora un po' di zucchero. Stendete la pasta frolla in un  sfoglia sottile, adagiatela sulle pere facendola penetrare negli spazi e fatela cuocere in forno già caldo  a 150°C per 35 minuti. Fate raffreddare la tarte tatin prima di sformarla e servirla.








giovedì 29 ottobre 2015

Gnocchi di zucca senza glutine




Oggi visto che e' giovedì ho deciso di preparare gli gnocchi. Non i classici gnocchi di patate bensì quelli di zucca. In questo periodo in casa mia la zucca non manca mai e quindi ho deciso di aproffitarne per utilizzarla nuovamente. C' e' mio marito che in realta' mi sta supplicando di non mangiarla piu'....ma visto che sta via qualche giorno, posso continuare a cucinarla!!! Questo rappresenta per me un piatto della memoria, me lo cucinava la mia mamma quando ero bambina...Lo adoro perché mi ricorda le giornate autunnali trascorse in casa con mia madre, osservandola cucinare ed aiutandola a fare questo gustoso primo. Inoltre avendo abbastanza vicino Mantova, la cucina locale del lago di Garda ne risente le influenze. Naturalmente da bambina non sapendo di essere celiaca in casa si preparavano gli gnocchi con la farina di frumento. Oggi io vi propongo la mia versione gluten-free e con un condimento leggermente rivisitato.

Ingredienti per 2 persone

- 400 g di zucca mantovana
- 1 tuorlo
- 200 g di farina per pasta fresca senza glutine (io Schar)
- noce moscata q.b.
- sale

Per il condimento

- olio evo
-prezzemolo tagliato finemente
- 20 g di granella di mandorle
-semi di papavero
- parmigiano reggiano grattuggiato

Procedimento

Tagliate la zucca a pezzetti e cuocetela in acqua salata bollente. Scolatela e poi schiacciatela ancora calda con lo schiaccia patate eliminando l'acqua in eccesso. Mescolate la purea così ottenuta con il tuorlo e lasciate raffreddare. Aggiungete la farina, la noce moscata ed il sale alla massa e lavorate sino ad ottenere un impasto. Ricavate dei filoncini di 1 cm di spessore tagliateli in piccoli pezzi e poi formate delle palline. In una pentola portate ad ebollizione abbondante acqua salata e cuocetevi gli gnocchi, quando verranno a galla saranno pronti per essere scolati. Versateli in una padella e ripassateli per circa un paio di minuti nell'olio,le granella di mandorle ed i semi di patate. Infine inpiattate gli gnocchi spolverizzandoli con il prezzemolo tritato ed il Parmigiano grattuggiato.


 






mercoledì 21 ottobre 2015

Dolce cuore senza glutine






Lunedi  e' stata una giornata favolosa!!! Ho festeggiato con mio marito il nostro anniversario di matrimonio. Siamo stati fortunati per diversi motivi :  prevedevano che piovesse invece ha fatto un tempo discreto ed anche caldo ; Alice e' rimasta a scuola fino alle 16,00 ed il piccolino si e' addormentato dopo pranzo e ci ha lasciato tranquilli per quasi tre ore. Questo giorno ci ha rigenerato, abbiamo fatto una lunga passeggiata al mare,  ci siamo goduti il pranzo con  tutta calma, abbiamo trascorso un pomeriggio rilassante e per chiudere in bellezza siamo usciti a cena. Siamo andati in un ristorantino che sta al centro di Anzio specializzato in piatti di pesce. Questo locale lo adoro, sia perché i gestori sono delle persone cordiali e gentili , ma sopratutto perché avvertendoli per tempo sono gli unici in zona, che mi preparano gli antipasti di mare gluten- free. Si tratta di 11 portate ,una piu' sfiziosa dell'altra , a base del pescato del giorno. Lo so di essere ripetitiva, ma normalmente in altre occasioni io ricopro sempre il ruolo di spettatore....e chi e' celiaco lo sa bene cosa vuol dire!
Questa volta mi sono voluta viziare fino in fondo ed anche se il bon-ton probabilmente non lo ammette ho deciso di portare il dessert da casa; sono un po' stufa di terminare la cena con una salutare fetta d'ananas. In realtà anche questo dolce e' abbastanza sano, mio marito non ama le creme e la panna, i miei figli devono evitare di ingozzarsi di cioccolata ,quindi ho optato per una torta semplice come ingredienti e preparazione , ma simbolica: l' ho fatta a forma di cuore.

Ingredienti

- 100 g di farina di mais finissima (io nutrifree)
- 150 g di farina di riso
- 100 g di zucchero
- 100 ml di olio di semi di girasole
- 1 uovo
- 100 ml di latte
- scorza  grattuggiaìta di limone non trattato q.b.
- 1/2 bustina di lievito per dolci
- marmellata q.b


Per decorare
-zucchero a velo
- qualche foglia di menta
- fragole

Procedimento

Lavorate l'olio con lo zucchero, fino a quando vedrete quest'ultimo sciogliersi.  Aggiungete l'uovo e continuate a sbattere sino a quando otterrete una crema.Aggiugete la scorza di limone, le farine ed il lievito setacciati ed amalgamate il tutto. Aggiungete il latte a filo e continuate a mescolare sino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Oliate lo stampo (io a forma di cuore) e versatevi il composto. Infornate a 180° C per circa 40 minuti. Quando il dolce sarà pronto , con l'infallibile prova dello stecchino, laciatelo raffreddare e poi sformatelo. Adagiatelo su un piatto da portata e decoratelo con  lo zucchero a velo, la marmellata che preferite al centro ed infine con le fragole tagliate a metà e qualche fogliolina di menta.






venerdì 16 ottobre 2015

Pane alla zucca senza glutine



Finalmente è il tempo.... non delle mele, ma della zucca, in particolare quella gialla o per chi è lombardo come me, della zucca mantovana. A differenza della zucca "arancione", ha una pasta soda, meno acquosa e più dolce. Si presta ad una miriade di preparazioni, sia dolci che salate, tutte squisite grazie al suo sapore delicato ed  alla sua consistenza vellutata. In questo periodo l'ho già cucinata diverse volte, ho preparato dei risotti, delle vellutate ed anche degli gnocchi. Oggi l'ho utilizzata per fare del  pane un po' diverso dal solito.

Ingredienti  per circa 10 panini

- 150 ml di acqua tiepida
- 10 g di lievito secco
- 1 presa di zucchero
-500 g di zucca stufata e ridotta in purea
-350 g di farina per pane senza glutine ( io Schar)
- sale

Preparazione

Mescolare con cura 50 ml di acqua, il lievito secco e lo zucchero. Lasciate riposare per almeno 15 minuti.
Impastate la purea di zucca, la farina il sale ed il miscuglio di lievito e acqua ed il resto dell'acqua per circa 5 minuti fino ad ottenere una pasta liscia e morbida. Coprite l'impasto e lasciatelo riposare in un luogo caldo per almeno un'ora, se avete tempo a disposizione fatelo riposare anche per due o tre ore.
Poi lavoratelo nuovamente e formate circa dieci panini di grandezza a piacere.
Disponete questi ultimi su una teglia foderata di carta da forno e lasciate riposare per altri 15 minuti.
Spennellate i panini con acqua e cuocete in forno preriscaldato a 200° C per circa mezz'ora.






Mi stavo scordando di dirvi che questa ricetta la troverete anche al 100% Gluten Free Friday. Buon week-end a tutti!!!







mercoledì 7 ottobre 2015

Vacanze estive 2015 parte prima



Questa lunga e calda estate  l'ho trascorsa  quasi tutta  in riva al mare. Sono stata principalmente ad Anzio, presso lo stabilimento dove mi reco ogni anno. "Stessa spiaggia stesso mare". Così come  di consuetudine, con gli amici ritrovati abbiamo scambiato saluti, abbracci  e ci si è raccontati come  è trascorso l'inverno. Come ogni stagione Alice si e' divertita un mondo con le amichette del mare ed ha fatto anche qualche nuova conoscenza, come me del resto. Anche se piacevole, questa estate l'ho trovata  molto stancante, sia per la forte calura, sia per baby Gabriele che mi ha fatto scordare cosa significhi rilassarsi sotto l'ombrellone...Non è mai stato un attimo fermo, ha corso ovunque, ha dato la caccia ai granchietti,ha riempito centinania di secchielli d'acqua per  poi versarseli  immediatamente addosso, ma per mia grande fortuna, all'una puntualmente si è fatto il suo pisolino di circa un paio d'ore. Purtroppo anche in queste ore di riposo del piccolo, per me non c'è mai stata pace...Alice ed i suoi amici spesso e volentieri mi hanno chiesto di aiutarli a fare qualche gioco o di accompagnarli a fare un bagno e così non ho mai potuto avere un momento di meritato relax. A fine luglio ho accusato i primi segni di cedimento così ho chiesto a mio marito di prendersi delle ferie. Detto, fatto!!! Siamo partiti e siamo andati in una delle isole a mio parere più fascinose d'Italia.




Che acqua meravigliosa, che gente accogliente, che cucina....Che caldo da morire. Ebbene sì, siamo ritornati nell'isola dove ho lasciato un parte del mio cuore, Lampedusa. Questo pezzo d'Africa in mezzo al mare mi ha stregata, per le sue acque cristalline dalle mille sfumature di azzurro e blu, per i suoi pesci socievoli e colorati, per le sue scogliere a picco sul mare, per l'aria di libertà che si respira in questo luogo. Ogni volta che torniamo abbiamo la sensazione di sentirci come a casa nostra, accolti. Credo che questo sia merito delle persone speciali che vivono in questa meravigliosa isola. E nonostante sia uno scoglio disperso  in mezzo al mare ho trovato anche un ristorante con un menù dedicato ai celiaci molto sfizioso... Che volere di più, evviva Lampedusa!!!!





venerdì 2 ottobre 2015

Ciambellone di mele, mais e mandorle senza glutine


Dopo quasi due mesi e mezzo, sono ritornata a scrivere nel mio caro blog. Oggi sembra il primo di novembre invece del primo di ottobre, sia per il tempo grigio e piovoso che per i programmi televisi. In un momemto di pausa mi sono sintonizzata su rai 5, dove normalmente trasmettono documentari spattacolari.Oggi ne ho visto uno... Però sui cimiteri più belli, artisticamente parlando, d'Italia e su una città sacra per gli induisti dove vengono svolte le cerimonie funebri sul Gange. Dopo questo "allegro" programma vista la giornata libera a disposizione, ho deciso di dedicarmi alla preparazione di un dolce ottimo per la colazione.

Ingredienti  per uno stampo del diametro di 24 cm

- 100 g di farina finissima di mais senza glutine (io Nutrifree)
- 100g di mandorle tritate finissime
- 200 g di farina per dolci senza glutine ( io Schar)
- 200 g di zucchero
- 200 ml di olio di semi di girasole
- 2 mele Fuji
- 200 ml di latte
- 2 uova
- 1 bustina di lievito per dolci senza glutine

Per decorare

- zucchero a velo

Procedimento

Mettete nella planetaria, o in una ciotola lo zucchero e l'olio, amalgamateli sino a quando vedrete lo zucchero sciogliersi. Aggiungete le due uova e continuate a mescolare sino a quando vedrete una crema spumosa.
Aggiungete le farine ed il lievito setacciacciati, le mandorle ed infine versate il latte a filo e continuate a mescolare energicamente sino a quando avrete ottenuto un composto liscio ed omogeneo. Sbucciate le mele ed affettatele a spicchi sottili. Oliate il fondo dello stampo e disponetevi le mele e successivamente versatevi il composto precedentemente ottenuto. Infornate e fate cuocere a 180° C per circa 40 minuti. Quando sarà cotta toglietela dal forno e lasciatela raffreddare. Scaravoltatela su un piatto ed infine spolverizzatela con lo zucchero a velo. Questo post lo pubblicherò domani così la ricetta la troverete anche al 100% Gluten free Friday!!!





















martedì 14 luglio 2015

Una vacanza ad Anzio



Oggi sarei dovuta rientrare da una mini vacanza in Salento, ma purtroppo per una serie di imprevisti non siamo potuti partire. Era un pò di tempo che ci ripromettevamo di andare via qualche giorno...giusto per cambiare aria e staccare la mente dalle tensioni e dai pensieri quotidiani. Allora per consolarmi della non partenza, insieme a mio marito, abbiamo pensato di ritagliarci qualche giorno di ferie a casa nostra, ad Anzio. Per nostra fortuna viviamo in una località di mare molto frequentata d'estate dai romani per la sua vicinanza alla capitale ed inoltre, nonostante non venga valorizzata, è anche una cittadina molto graziosa. Quindi ci siamo comportati proprio come dei turisti: ci siamo alzati tardi, quando il piccolo ce lo ha permesso, siamo andati al mare, aperitivi, cenette al ristorante carino, passeggiate serali....Vi posso dire che mi sono rilassata un sacco e l'umore si è risollevato. Adesso sono ritornata ai ritmi e alle tensioni abituali, anche perché con l'estate aumenta il carico di impegni. Ho difficoltà anche a scrivere sul mio adorato blog.Non vedo l'ora di partire veramente....buone vacanze a tutti!!!



venerdì 26 giugno 2015

Crostata fragolosa senza burro e senza glutine



Le   sorprese non finiscono mai. Venerdì scorso vi avevo già detto che in questi ultimi periodi non sono molto fortunata. E la regola si è nuovamente confermata : questo week-end dovevamo partire per il Salento, ma per l'incendio scoppiato a Fiumicino qualche tempo fa ,ci hanno spostato il volo di andata in un 'altro aeroporto. Avendo   al seguito due bambini complicare ulteriormente le cose non ci è sembrato opportuno    quindi è saltata la vacanza. Ma se questo non bastasse, ci sarebbe stato un altro motivo per non partire, al piccolo Gabri   improvvisamente senza   nessun tipo di avvisaglia è venuta una bella febbre.
Credo di aver avuto segnali sufficienti per capire che non  sono   destinata a farmi questa vacanza di inizio estate.Pazienza speriamo che i programmi futuri vadano meglio!!!
Come sempre mi sono consolata con un bel dolce, semplice, leggero  e a base del  mio frutto preferito.

Ingredienti per 26 cm di diametro

- 400 g di farina per pasta frolla senza glutine (io Alimenta 2000)
- 100 g di zucchero semolato
- 4 cucchiai di miele
- 100 ml di olio di arachidi
- 2 uova
- marmellata  di fragole senza glutine
- fragole
- qualche ciuffo di menta

Procedimento

Versate in una ciotola lo zucchero,l'olio ed il miele mescolate bene poi aggiungetevi un uovo alla volta ed infine la farina setacciata. Impastate velocemente, formate una palla avvolgetela in una pellicola per alimenti un   paio d'ore. Ancora meglio se lo fate la sera così che la frolla riposi tutta notte. Con un matterello stendete l'impasto allo spessore di circa 5 mm e poi stendetelo su uno stampo precedentemente oliato ed infarinato di 26 cm. Tagliate con un coltellino la parte eccedente e tenela da parte per ricavarne delle strisce . Stendete con un cucchiaio in  modo uniforme  la marmellata   sul   fondo della crostata e poi create la classica griglia con le strisce di frolla. Cuocete in forno  preriscaldato  a 160°C per circa 25 minuti. Quando sarà cotto, toglietelo dal forno e lasciatelo intiepidire. Sformate il dolce ed adagiatelo su un piatto da portata. Tagliate a spicchi le fragole, precedentemente lavate ed asciugate, e posatele nelle celle della crostata. Infine decorate con qualche ciuffo di menta.



                 




                           Anche  questo venerdì sono pronta per il Gluten free Friday











martedì 23 giugno 2015

Risotto agli asparagi e funghi

Oggi anche se dovrebbe essere il secondo o forse terzo giorno della mia stagione preferita, c'è un tempo strano, ventoso ed anche un tantino troppo fresco. Quindi invece di portare i bimbi al mare, ho aprofittato per fare dei giri che erano rimasti in sopspeso. Arrivata l'ora di pranzo mi sono accorta che il frigo era quasi vuoto ed allora ho deciso di utilizzare le poche cose trovate per preparare un risottino.
Così anche per questa volta ci siamo "sfamati" tutto sommato . Alice ha voluto anche il bis, ma la piccola è di parte ed inoltre adora i risotti!!!



Ingredienti per 4 persone

- 320 g di riso per risotti (Carnaroli, Arborio, Roma)
- 1 scalogno
- 8 asparagi
- 200 g di funghi champignon
-1/2 bicchiere di vino bianco per sfumare
- 1 litro di brodo vegetale
- olio evo q.b
- sale q.b.
- parmigiano grattuggiato q.b.


Per decorare

- erba cipollina tritata
- bacche di pepe rosa



Procedimento

Lavate ed asciugate gli asparagi ed i funghi,eliminate le parti fibrose e tagliateli a fettine conservando  le punte dei primi. Tritate finemente lo scalogno versatelo in una pentola con un filo d'olio, poi aggiungete il riso e a fiamma bassa lasciate tostare per un paio di minuti. Ora aggiungete anche i funghi e gli asparagi mescolate il tutto e sfumate con il vino bianco. Evaporato il vino aggiungete un poco alla volta il brodo vegetale. Quando il riso sarà al dente fate asciugare il brodo sino a raggiungere una consistenza cremosa.
Aggiungete il parmigiano e fate mantecare un paio di minuti.
Versate il riso nei piatti e decorate a piacere con le punte di asparago, l'erba cipollina e le bacche di pepe rosa. Il risotto nel nostro caso di "salvataggio" è pronto.






venerdì 19 giugno 2015

Clafoutis alle ciliege senza glutine



Ultimamente sono un po' jellata su tutti i fronti....Non vi sto ad elencare tutte le cose storte che mi sono accadute altrimenti qualcuno mi prenota un viaggio a Lourdes!!!Sicuramente prima o poi la visiterò, ma per questa estate avevo altri programmi. Non so voi ma io quando sono un po' giù mi butto sulle cose dolci; come si suol dire quando si sta male il fisico non deve soffrire. In particolare questa volta mi sono consolata con un dolce che mangiavo spesso in Francia quando vivevo a Parigi. Credo di aver emulato Proust con le Madeleine, nel mio inconscio avevo voglia di rievocare momenti spensierati, e con questo dessert credo di esserci riuscita. E' una ricetta molto semplice, l'unico neo è snocciolare un chilo di ciliegie, ma se avete tempo e sopratutto pazienza per questa operazione, il resto della ricetta  lo potrebbe eseguire anche un babychef.


Ingredienti per 6 persone

- 1,5 kg di ciliegie
-100 g di zucchero semolato
-125 g di farina per dolci  senza glutine(io Schar mix C)
- 3 uova
- 300 ml di latte
- sale
- burro per lo stampo

Per decorare
-zucchero a velo

Procedimento

Lavate le ciliegie eliminate il picciolo ed il nocciolo e raccoglietele in una ciotola, spolverizzatele con la metà dello zucchero e lasciatele macerare per mezz'ora circa.
Setacciate in un'altra ciotola la farina, aggiungete un pizzico di sale e lo zucchero rimasto e mescolate sino ad ottenere un composto omogeneo. Rompete le uova e sbattetele con una frusta a mano,poi, sempre sbattendo incorporatele delicatamente alla farina. Unite infine il latte versandolo a filo. Imburrate uno stampo di 24 cm di diametro, disponetevi le ciliegie una accanto all'altra, irroratele con il loro succo e copritele con la pastella. Cuocete il clafoutis in forno già caldo a 180°C per circa 40 minuti. Togliete il dolce dal forno e lasciatelo intiepidire. Al momento di servire, spolverizzate la superficie del dolce con abbondante zucchero a velo.





Oggi è venerdi quindi è anche tempo del Glutenfree Friday







 

martedì 16 giugno 2015

Riso mediterraneo




Ogni anno quando ricomincia l'estate inizio a cucinare ricorrentemente il riso ed abbandono la pasta...forse perchè si presta a preparazioni fredde,forse perchè mi  illudo che sia più leggero e forse anche perchè ci piace tanto, tanto, tanto. A settembre mi ritrovo ad avere uno sguardo esotico, direi orientale, insomma sono cinese, giapponese a pieno titolo!!!! L'altro giorno ho preparato il riso integrale,  molto sano, ricco di fibre, con indice glicemico più basso rispetto a quello tradizionale, ma con un difettuccio, un tempo di cottura stralungo 35/40 minuti. Comunque ne vale la pena, perchè è saporitissimo ed il chicco rimane molto sgranato. Io l'ho preparato in una versione "Mediterranea" che ho trovato molto sfiziosa.





Ingredienti per 4 persone

- 320 g di riso integrale (bio se è possibile)
- 1 peperone
- 4 polpi di piccole dimensioni
- 400 g di passata di pomodoro
- 1 scalogno
- sale q.b
- 30 ml olio evo

Per decorare

- un ciuffo di basilico
- erba cipollina tritata


Procedimento

Riempite d'acqua una pentola e portatela a bollore, versatevi il riso e fate cuocere per 35 minuti. A metà cottura aggiungetevi circa un cucchiaino di sale. Tagliate a dadini il peperone precedentemente lavato ed asciugato, poi pulite i polipetti e fateli a listarelle. Preparate una salsa con la passata di pomodoro, i dadini di peperone, i polipetti, lo scalogno tritato finemente, l'olio evo ed un pizzico di sale. Fatela cuocere lentamente a coperchio abbassato per circa 40 minuti. Quando il riso avrà terminato la cottura scolatelo e versatelo nella salsa, lasciate insaporire per qualche minuto, poi impiatte mettendo a specchio sul piatto un po' di salsa che avrete tenuto da parte e sopra il riso. Spolverizzate con l'erba cipollina tritata.





         Anche questa ricetta parteciperà al contest di Chiarapassion in collaborazione con la Fiammante

                                        "Il Pomodoro Italiano si veste di Gusto"